Dalla fine del 2017 ad oggi abbiamo rilevato un incremento notevole di tentativi di frode a danno di Amazon Italia attraverso l’invio di messaggi di posta elettronica fraudolenta.

Solo nell’ultima settimana di Dicembre D3Lab ha rilevato più di un centinaio di mail fraudolente.

Dai screenshot delle eMail sottostanti potete notare come la grafica e il contenuto delle eMail varia invitando la vittima ad effettuare il login per evitare la sospensione del proprio conto, per verificare l’accumulo di punti con la possibilità di vincere i biglietti per il Gran Premio di Monza o per una informativa sulla privacy.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il collegamento ipertestuale presente nella mail svolge funzione di redirect portando i visitatori su una pagina clone richiedente le credenziali di accesso al portale e successivamente in una nuova pagina richiedente i dati della carta di credito:

 

La procedura si completa indirizzando l’utente sulla pagina ufficiale di Amazon Italia.

Complessivamente l’utente è invitato a fornire al Phisher:

  • Nome e Cognome;
  • Account Amazon;
  • Numero di Telefono;
  • Codice Fiscale;
  • Carta di Credito (PAN, CV2 e Scadenza).

Analizzando l’attacco di Phishing del 31 Dicembre 2017, attualmente ancora attivo, abbiamo individuato la posizione in cui i Phisher memorizzando i numeri di telefono delle vittime e monitorando tale risorsa ad oggi sono presente 597 numeri di cellulare Italiani distinti.

Complessivamente un solo attacco di Phishing che sfrutta l’immagine di Amazon ha tratto in inganno 597 vittime.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi