Corsi proposti da D3Lab e già tenuti:

  • Malware analisys.
    Docente: Gianni Amato;
    Svolto: da mercoledì 6 Giugno a venerdì 8 Giugno 2012;
    Note sullo svolgimento

  • Analisi siti web compromessi (presso cliente)
    Docente: Mario Pascucci;
    Svolto: da lunedì 4 Febbraio a mercoledì 6 Febbraio 2013;
    Note sullo svolgimento
Mail Fraudolenta Gioco Digitale

Il cyber crime va all’attacco dei giochi digitali con l’intento di “svuotare” il conto dei giocatori.

In data odierna si è individuato una mail fraudolenta mirante a colpire gli utenti di Gioco Digitale. Palesando il blocco dell’account la mail invita a scaricare l’allegato per ripristinare le funzionalità del conto collegato all’account.

Mail Fraudolenta Gioco Digitale

La mail veicola l’attacco sia attraverso il classico link ipertestuale, sia attraverso il menzionato allegato. Questo è costituito da un file html che aperto in locale presenta la medesima pagina riproposta seguendo il collegamento ipertestuale.

Allagato html

Sia la pagina locale, che quella remota, mirano esclusivamente a carpire i dati di accesso all’account del giocatore al presumibile fine di movimentare le somme depositate sul “conto gioco” verso conti posseduti dai cyber criminali sui circuiti consentiti da Gioco Digitale:

  • Carta di Credito Visa;
  • PostePay Skrill (Moneybookers);
  • Kalixa;
  • Bonifico Bancario.

Le pagine fraudolente sono in hosting presso il provider ceco webzdarma.cz.

Phishing Telepass.it

Con l’intento di acquisire fraudolentemente codici di carte di credito il cyber crime rivolge la propria attenzione non solo verso gli istituti bancari e quegli enti che emettono proprie carte di credito, ma anche verso tutti quei servizi che prevedono pagamenti con esse.

In data odierna è stato rilevato in rete un attacco di phishing volto a colpire gli utenti del servizio Telepass.

Il messaggio di posta fraudolento, paventando la possibile sospensione del servizio Telepass, causa il mancato pagamento di una fattura, invita gli utenti a visitare pagine web posizionate nel dominio webtelepass.it

 

Domain:             webtelepass.it Status:             ok Created:            2012-06-02 05:16:44 Last Update:        2012-06-02 05:40:25 Expire Date:        2013-06-02

 

forgiato ad hoc con l’intento di trarre in inganno i visitatori.

Phishing Telepass.it

Le pagine fraudolente richiedono ai visitatori, oltre ai dati della carta di credito, anche le credenziali di accesso alla mail box.

phishing Telepass.it

 

 

 

Gianni Amato descrive l'uso di tools per l'analisi statica

Si  è svolto dal 6 all’8 giugno scorsi il primo corso D3Lab di introduzione alla Malware Analysis nel quale Gianni Amato ha spiegato ai partecipanti le caratteristiche e finalità dei malware odierni, descrivendo la struttura organizzativa caratterizza la realizzazione di attacchi veicolati attraverso tale minaccia.

Gianni Amato descrive l'uso di tools per l'analisi statica

Ai partecipanti, tra i quali personale già impiegato nel settore sicurezza ICT, tecnici ENEL e consulenti forensi, sono state spiegate le metodiche di analisi statica, dinamica ed attraverso strumenti on-line. Le metodiche sono quindi state applicate dai partecipanti attraverso esercizi svolti in prima persona allestendo il laboratorio di analisi sulle propria workstation.

L’esperienza operativa di Gianni Amato, coinvolto in prima persona nella difesa di primarie aziende nazionali, ha permesso di mantenere viva l’attenzione dei partecipanti con frequenti riferimenti alle casistiche odierne ed ai malware più noti e minacciosi del momento. 

Un invidiabile rapporto docente/discenti e la comoda e silenziosa aula messa a disposizione dalla DTC Pal hanno permesso l’immersione completa, otto ore al giorni,  e soddisfacente dei partecipanti nelle problematiche descritte dal docente.

 

 

Le attività di monitoraggio dei tentativi di phishing svolta nel primo quadrimestre del 2012, durante lo start-up aziendale, hanno consentito di individuare 351 distinti url di attacco volti a colpire i clienti di ventuno diversi istituti bancari/enti.
Questi 351 url individuavano risorse posizionate su 273 diversi domini/indirizzi ip, ma frequentemente hanno visto il coinvolgimento di ulteriori soggetti che non venivano individuati dall’immediata analisi del messaggio di posta elettronica fraudolento. La sopravvivenza delle pagine facenti parte della struttura imbastita dai criminali hanno avuto un tempo di sopravvivenza ampiamente superiore al giorno. 

Il monitoraggio costante indica l’interesse dei criminali a colpire gli utenti di Internet prevalentemente durante la settimana lavorativa, con un esigua ricezione di mail di phishing durante il week-end. Con tale presupposto vi sono stati istituti contro i cui clienti i phisher hanno inviato mail fraudolente praticamente tutti i giorni.

Gli attacchi registrati vedono principalmente l’utilizzo di quattro differenti metodiche:

  1. collegamento diretto alle pagine fraudolente;
  2. collegamento a pagine web aventi la funzione di redirect;
  3. manipolazione di sotto domini;
  4. allegati htm/html/mht contenenti il modulo da compilarsi;

L’attacco portato con form in allegato al messaggio di posta elettronica sta via via prendendo maggiormente piede, consentendo di ovviare alle funzionalità di sicurezza dei moderni browser finalizzate ad allertare l’utente che richiede pagine web segnalate quali malevole.

Rimane per ora residuale l’utilizzo di short-url e di servizi di dns dinamico, sebbene tali medotiche, quando usate, non di rado vengano implementate dai criminali con le precedenti.