Articoli

Per anni i criminali ci hanno portato sulle pagine di phishing inondandoci di false mail. Negli ultimi due anni, data la diffusione di smartphone che consentono una agevolo navigazione sul web, hanno cominciato a veicolare i propri attacchi attraverso SMS, senza tralasciare l’uso di sistemi di messaggistica istantanea quali WhatsApp, o sfruttando l’enorme diffusione dei social network.

Nell’ultimo trimestre si è invece assistito ad un crescente numero di campagne di phishing attraverso le tecniche di marketing sui social network, la cui più banale applicazione è l’acquisto di “spazi pubblicitari” da mostrare agli utenti che effettuano ricerche con specifiche parole.

Dopo i casi verificatesi nell’arco del trimestre a danno di istituti nostri clienti in data odierna, effettuando i monitoraggi di prassi su questo “canale di diffusione”, abbiamo rilevato una campagna di phishing in atto a danno di UBI Banca.

20160725135147

Continua a leggere