Le attività di monitoraggio dei tentativi di phishing svolta nel primo quadrimestre del 2012, durante lo start-up aziendale, hanno consentito di individuare 351 distinti url di attacco volti a colpire i clienti di ventuno diversi istituti bancari/enti.
Questi 351 url individuavano risorse posizionate su 273 diversi domini/indirizzi ip, ma frequentemente hanno visto il coinvolgimento di ulteriori soggetti che non venivano individuati dall’immediata analisi del messaggio di posta elettronica fraudolento. La sopravvivenza delle pagine facenti parte della struttura imbastita dai criminali hanno avuto un tempo di sopravvivenza ampiamente superiore al giorno. 

Il monitoraggio costante indica l’interesse dei criminali a colpire gli utenti di Internet prevalentemente durante la settimana lavorativa, con un esigua ricezione di mail di phishing durante il week-end. Con tale presupposto vi sono stati istituti contro i cui clienti i phisher hanno inviato mail fraudolente praticamente tutti i giorni.

Gli attacchi registrati vedono principalmente l’utilizzo di quattro differenti metodiche:

  1. collegamento diretto alle pagine fraudolente;
  2. collegamento a pagine web aventi la funzione di redirect;
  3. manipolazione di sotto domini;
  4. allegati htm/html/mht contenenti il modulo da compilarsi;

L’attacco portato con form in allegato al messaggio di posta elettronica sta via via prendendo maggiormente piede, consentendo di ovviare alle funzionalità di sicurezza dei moderni browser finalizzate ad allertare l’utente che richiede pagine web segnalate quali malevole.

Rimane per ora residuale l’utilizzo di short-url e di servizi di dns dinamico, sebbene tali medotiche, quando usate, non di rado vengano implementate dai criminali con le precedenti.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi