mail fraudolenta

Le attività dei criminali volti alle frodi on-line si sono fortemente rivolte all’acquisizione dei dati della carte di credito, tuttavia fare poi il cash-out, procedere all’incasso, può non essere propriamente semplice, o comunque può portare ad un lavoro non da poco per accedere a somme tutto sommato più contenute rispetto ai risultati ottenibili con le frodi sull’home banking.

Uno dei gruppi criminali più attivi in panorama italiano volge nuovamente la propria attenzione agli istituti che permettono di operare via internet facendo uso della password dispositiva.

A cadere nel mirino dei phisher sono gli utenti italiani di Deutsche Bank. In base ai rilievi D3Lab, dalla seconda metà del 2009 ad oggi l’attacco a tale istituto rappresenta una novità.
La mail di phishing, inviata da indirizzo IP britannico, presenta le seguenti caratteristiche:

 

oggetto: Conto bloccato!

mittente apparente: “Deutsche Bank S.p.A”<[email protected]

Corpo messaggio (html):

Gentile Titolare, ——————————————————————————————— Abbiamo rilevato attivita irregolari sul tuo Deutsche Credit Card Internet Banking sul conto *******. Per la tua protezione, e necessario verificare questa attivita prima di poter continuare a utilizzare il vostro conto. Si prega di scaricare il documento allegato alla presente-mail a rivedere le attivita del proprio account. Se scegli di ignorare la nostra richiesta, ci lasciano scelta di sospendere temporaneamente il tuo account. ———————————————————————————————— Ti ricordiamo che tramite il sito CartaSi puoi mantenerti sempre aggiornato sulle opportunita’ e sui vantaggi che Deutsche Bank ti riserva. Deutsche Credit Card – Gruppo Deutsche Bank Partita IVA: 01340740156

come si può osservare nell’immagine sottostante il messaggio di posta fraudolento non contiene alcun link, ma

mail fraudolenta

veicola la minaccia attraverso l’allegato Documento.html che aperto in locale presenta nel browser una pagina riproducente

allegato fraudolento

grafica e loghi di Deutsche Bank ed il form in cui vengono richiesti i dati di accesso all’home banking. Questi vengono poi inviati ad un 

server usato a fini fraudolenti

server Windows localizzato in Thailandia, usato dai cyber criminali sin dall’ottobre 2012 per colpire Banca Popolare dell’Emilia Romagna e Banca Mediolanum.

L’istituto è stato notiziato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi