Articoli

D3Lab nella quotidiana azione di analisi e contrasto al Phishing e Malspam ha rilevato nella notte odierna la diffusione di un malware Android della famiglia Banker Anubis mediante falsa fattura di Enel Energia.

L’utente è invitato a visitare un sito web per scaricare la fattura insoluta, nella realtà la fattura è una applicazione in formato APK per il sistema operativo Android.

L’applicazione in realtà nasconde il malware Anubis, un trojan che include un ampia varietà di funzionalità. Anubis è in grado di acquisire screenshot dello smartphone, registrare audio, inviare, ricevere ed eliminare messaggi, acquisire la rubrica telefonica, acquisire le credenziali salvate nel browser ed aprire url.

Inoltre, il Trojan è in grado di alterare le impostazioni più profonde del dispositivo compromesso abilitando o manomettendo le impostazioni di amministrazione del dispositivo, per visualizzare le attività in esecuzione e creare una backdoor per il controllo remoto attraverso il virtual network computing (VNC).

Invitiamo pertanto gli utenti a prestare attenzione e non scaricare e installare applicazioni se non provenienti dallo store ufficiale di Google.

 

IoC (Indicatori di Compromissione):

  • http[:]//hovermop[.]com/Fattura002873.apk
  • C2: http[:]//cdnjs.su
  • Fattura002873.apk: c38c675a4342052a18e969e839cce797fef842b9d53032882966a3731ced0a70

 

D3Lab nella azione costante di monitorare nuove attività di Phishing ai danni degli utenti Italiani ha rilevato in data odierna la diffusione del malware Anubis per smartphone Android mediante una falsa promozione dell’operatore telefonico TIM.

L’utente è invitato a visitare un sito web creato Ad Hoc per attivare una offerta che gli garantisce 10Gb di traffico internet gratuito, per attivarla è necessario scaricare un applicazione Android in formato APK.

L’applicazione in realtà nasconde il malware Anubis, un trojan che include un ampia varietà di funzionalità. Anubis è in grado di acquisire screenshot dello smartphone, registrare audio, inviare, ricevere ed eliminare messaggi, acquisire la rubrica telefonica, acquisire le credenziali salvate nel browser ed aprire url.

Inoltre, il Trojan è in grado di alterare le impostazioni più profonde del dispositivo compromesso abilitando o manomettendo le impostazioni di amministrazione del dispositivo, per visualizzare le attività in esecuzione e creare una backdoor per il controllo remoto attraverso il virtual network computing (VNC).

Invitiamo pertanto gli utenti a visitare il sito ufficiale di TIM per conoscere nuove offerte e non consultare link ricevuti via SMS.

 

IoC (Indicatori di Compromissione):