user agent dei visitatori

L’avvento dei dispositivi mobili porterà alla fine del fenomeno phishing?

L’analisi di alcuni dati estratti da file di log relativi a siti web coinvolti in recenti casi di phishing ai danni degli utenti di un ente 

user agent dei visitatori

 

italiano forniscono alcune informazioni interessanti. I due casi in esame hanno permesso di raccogliere informazioni relativa a 218 differenti visitatori delle pagine di phishing. Ipotizzando che nessuno di loro abbia utilizzato estensioni del browser atte a modificare lo user agent trasmesso dal browser al server e che quindi i dati sia corretti, si evidenzia, come riportato nella tabella sottostante,

 

dati dei visitatori

 

come il 24,7 % sia giunto sulle pagine fraudolente facendo uso di dispositivi mobili, il 61,9 % abbia fatto uso di sistemi operativi Microsoft Windows, il 41,5 % dei quali datati, ed il restante 38,1 di sistemi operativi di derivazione Unix, rientrando tra di essi i dispositivi mobili.

Per il futuro ci si può aspettare un aumento dei dispositivi mobili, in considerazione del fatto che anche gli smartphone di recente produzione hanno display sufficientemente ampi da consentire una fruizione abbastanza comoda dei contenuti web.

Sebbene i browser di cui tali dispositivi sono dotati implementino i meccanismi di sicurezza atti ad avvisare l’utente della visualizzazione delle pagine web fraudolente, non sempre queste sono segnalate tempestivamente ed esiste, quindi, un intervallo temporale nel quale il criminale può perpetrare il proprio atto criminoso, traendo vantaggio anche dalle ridotte dimensioni del display.
Queste potrebbero non permettere all’utente di riconoscere correttamente il dominio visitato, dettaglio essenziale a cui porre attenzione se pensiamo che i criminali, pur di riuscire nella frode, sono disposti a spendere per un certificato SSL da abbinare a domini creati ad-hoc.
Certificato la cui presenza è invece evidenziata chiaramente nella barra degli indirizzi, distogliendo l’attenzione della vittima dal reale dominio visitato e mal visualizzato nel display di ridotte dimensioni del dispositivo mobile.  

I dati relativi ai sistemi operativi utilizzati lasciano poi il fianco a diverse considerazioni: da una parte esiste la possibilità che i criminali implementino le pagine di phishing con exploit volti a colpire browser e sistemi datati per inocularvi malware, metodica al momento poco diffusa, dall’altra il crescente numero di utilizzatori di dispositivi mobili, rappresentanti già quasi un quarto del totale, potrebbe portare le organizzazioni criminali ad investire maggiormente per lo sviluppo di applicazioni per tali dispositivi, da distribuirsi attraverso pagine e mail di phishing, o fatte tanto bene da riuscire a superare i controlli degli apps store. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Rispondi