Articoli

Google & Office 365 phishing business victims

Usualmente siamo soliti pensare al phishing come ad una minaccia che colpisce principalmente gli utenti del web nella loro posizione di clienti di un servizio, sia esso bancario, di cloud, ecc…

Ma questo è vero solo in parte, o meglio rappresenta solo uno dei possibili aspetti della vicenda, perché il phishing pur partendo da un attacco finalizzato a colpire un servizio ad uso personale, privato, può facilmente impattare sulla struttura aziendale.

Possiamo quindi esaminare due scenari.

Continua a leggere

D3Lab opera da diversi anni nell’analisi e nel contrasto del Phishing ai danni dei principali Istituti Bancari Italiani o Big Corporate, negli ultimi anni si è però maggiormente affermato il fenomeno dello Spear Phishing con una crescita nel 2017 di oltre il 1000% come sottolinea il ClusIT.

Spear Phishing: Indica un tipo particolare di phishing realizzato mediante l’invio di Email fraudolente ad una specifica organizzazione o persona. Lo scopo di questi attacchi è tipicamente quello di ottenere accesso ad informazioni riservate di tipo finanziario, a segreti industriali, di stato o militari. {CERT Nazionale}.

I phisher che adottano questa tecnica hanno una profonda conoscenza delle vittime e realizzano campagne di Phishing Ad hoc su servizi o applicazioni che la vittima usa quotidianamente.

Dalle immagini sovrastanti si può notare una campagna di Spear Phishing eseguita ai danni di una multinazionale che sfrutta per l’appunto i servizi di Microsoft Office 360 e DropBox, alcuni dipententi hanno ricevuto una eMail con un documento HTML allegato. Aprendo tale documento viene richiesta la conferma delle credenziali per accedere ai sopracitati servizi. Il phisher ha l’obiettivo di ottenere le credenziali degli utenti per poter accedere alle loro caselle mail e proseguire le attività illecite richiedendo per esempio bonifici bancari o eseguendo ordini verso altre società.

Il Team di D3Lab è intervenuto contrastando di questo fenomeno ottenendo la disabilitazione dei server Brasiliani e Australiani a cui venivano inviate le credenziali.