Articoli

Il Phishing ai danni di utenti italiani è notevolmente aumentato dal 2019 ad oggi con un cambiamento di rotta significato nelle informazioni richieste alle vittime e dalle tecniche sfruttate dai criminali per divulgare e frodare le vittime. Per diversi anni l’interesse dei criminali era focalizzato principalmente sulle carte di credito e in minoranza sui dati di login per accedere al home banking; dal 2019 la situazione progressivamente è mutata fino ad oggi dove la stragrande maggioranza delle campagne verte dell’acquisire username e password di accesso al conto corrente online delle vittime.

Campagne di Phishing Italiane

Campagne di Phishing Italiane

L’interesse verso i conti correnti è avvenuto conseguentemente l’introduzione di metodi di pagamento istantanei raramente annullabili, come i bonifici bancari istantanei o pagamenti di bollettini postali, che garantiscono ai criminali un rapido ed efficace metodo di movimentare i soldi sottratti alle vittime. I nuovi sistemi anti-frode e l’introduzione della normativa PSD2 hanno reso più sicuri i conti correnti di tutti i correntisti Europei, i criminali sono stati quindi stimolati a progettare nuove tecniche di phishing più sofisticate che non comprendono più il solo invio di una e-mail ma anche chiamate telefoniche, installazioni di applicazioni sugli smartphone delle vittima e altre tecniche che vedremo in futuro in un articolo dedicato.

Ad oggi quindi al tradizionale sito di phishing viene comunemente affiancata una operazione di Vishing (chiamata da parte di un falso operatore bancario) e l’utilizzo di pannelli di controllo dedicati ai criminali per monitorare l’avanzamento della frode e richiedere in tempo reale alla vittime delle informazioni utili per eseguire operazioni illecite sul conto corrente della vittima.

Continua a leggere